Gita personale alla Sacra di San Michele

GITA PERSONALE ALLA SACRA…
Con uno gruppo di amici, ieri, abbiamo voluto visitare comunque la Sacra di San Michele e l’esperienza è stata ben superiore alle nostre aspettative.
E’ un percorso iniziatico perfetto e l’energia del luogo ha toccato tutti. Si sale a piedi per ricordarci che stiamo compiendo un gesto di elevazione, non si entra direttamente nella Chiesa (capolavoro d’architettura che “ingloba” letteralmente la la cima della montagna, per avvicinarsi quanto più possibile al Divino); ma si percorre prima la “Scala dei Morti” (uno scenario che ti fa sentire minuscolo) ed evoca una transizione interiore. Poi si passa attraverso la “Porta dello Zodiaco” (a livello simbolico accetti di attraversare tutto ciò che “avviene” tra Cielo e Terra) e infine, arrivi alla Chiesa, dalla quale non vorresti più andartene. L’energia è potente (mi spiace la foto dei rilevamenti energetici compiuti è sfocata), talmente potente, che molti di noi la sentivano scorrerci dentro. Salvatore, presidente della nostra ass. ed esperto bibliofilo, ci ha indicato una preziosissima pagina d’antifonario del quattordicesimo secolo con miniature da capogiro; non parliamo poi delle opere d’arte. Ai piedi del Santuario, tra le rovine di un sepolcro romanico ottagonale, un concerto celestiale dal vivo, con strumenti moderni e africani di Daniele Bianciotto.
Dopo, pranzo sul lago piccolo di Avigliana con le leccornie preparate dalle nostre amiche. Abbiamo scoperto che la Sacra è anche una porta Giubilare, il Giubileo straordinario della Misericordia di quest’anno…Grazie amici, una giornata da portare nel cuore!porta-dello-zodiaco-2 sacra-rilievi-energetici  lago-avigliana

Autore: Maria Lanzone

Nata a Paterson, New Jersey, la stessa cittadina in cui nacque la Beat Generation. Studiosa, da sempre, di filosofie orientali, olistiche ed esoteriche. Scrittrice, appassionata anche di lingue. Continuo a studiare...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *