Una Stonehenge all’Isola del Giglio e il canto delle piante






Una fuga di appena due gorni all’isola del Giglio, che ho sempre desiderato vedere, anche perché mio padre si chiamava Giglio. E’ un’isola bellissima, con i suoi massi di granito che ricordano la Sardegna, ma più verde. Sdraiarmi sulla spiaggia del Campese mi ha dato la gioia di trovare infiniti micro cristalli, perfettamente formati, come quelli usati in cristalloterapia. La mattina dopo l’arrivo, trovo un volantino che propone di ascoltare il suono delle piante. Desideravo fare l’esperienza da almeno 30 anni. Sapevo che era possibile solo nella comunità di Damanhur a Torino…E invece, “l’isola di papà” era pronta a regalarmi l’esperienza. Ora è in vendita un dispositivo chiamato “Plantsplay” a questo link: https://www.plantsplay.com/, che permette a tutti di “sintonizzarsi” come non mai con il regno vegetale. Basta collegare due sensori alle foglie e si può ascoltare la melodia di ogni pianta. E’ straordinario sentire la differenza di suono e di frequenza, quando si accarezzano le foglie. Ho voluto toccare un leccio, già abbastanza provato da diversi tagli e lui si è ammutolito di colpo. Mi è bastato staccarmi e chiedergli, in cuor mio, il permesso e la musica è cambiata di colpo. Se volete sentire come ogni pianta ha note sue particolari, eccovi uno dei diversi link su youtube: https://www.youtube.com/watch?v=F3GgGL8IT3I Ma mi aspettava un’altra graditissima sorpresa…La guida, Marina Aldi, come se ci conoscessimo da sempre, ha iniziato a parlarmi di un incredibile sito archeologico dell’età del Bronzo, chiamato: “La Cote Ciombella” scoperto e custodito da lei. Le corrispondenze astronomiche, la disposizione delle pietre, l’orientamento, tutto coincide con la nota Stonehenge. L’indomani mi sono ovviamente precipitata a visitarlo e l’energia del luogo mi ha letteralmente rapita. Tutti mi dicevano quanto fosse luminoso il mio sorriso e come avrebbe potuto essere il contrario, in un luogo dalla vibrazione così potente. Appena saremo fuori da questa prova, organizzeremo un viaggio. Grazie Marina Aldi, mi hai fatto scoprire un vero tesoro. Per contattare Marina Aldi, guida turistica ambientale e guida parco: https://www.facebook.com/Isola-del-Giglio-Escursioni-1475213899425114

Per informazioni storiche: http://www.vivilamaremma.net/it/la-cote-ciombella-2/

https://www.greenreport.it/news/aree-protette-e-biodiversita/isola-del-giglio-inaugurazione-del-primo-itinerario-archeologico-preistorico-la-cote-ciombella/

Autore: Maria Lanzone

Nata a Paterson, New Jersey, la stessa cittadina in cui nacque la Beat Generation. Studiosa, da sempre, di filosofie orientali, olistiche ed esoteriche. Scrittrice, appassionata anche di lingue. Continuo a studiare... Vedi tutti gli articoli di Maria Lanzone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.